Non è certo un segreto: la qualità della vaniglia caledoniana è ormai nota a livello mondiale. Nonostante la produzione di vaniglia sia ormai diffusa su gran parte del territorio, è proprio a Lifou che tutto è cominciato. E, proprio qui, potrete visitare diverse piantagioni di vaniglia aperte al pubblico, tra cui Mu, Jozip, Mucaweng e Traput.

Sole e pioggia della Nuova Caledonia sembrano essere perfetti per garantire alle piantagioni di vaniglia locali le condizioni di crescita ideali.

Ciononostante, malgrado il missionario inglese Mc Macfarlane avesse donato nel 1860 alcune piante di vaniglia importate dal Madagascar a una tribù dell’isola, bisognerà attendere fino al 1980-1990 prima di iniziare a sfruttare veramente le potenzialità di questa pianta. Fino ad allora, nonostante proliferasse già nel sottobosco, veniva utilizzata solamente per scopi ornamentali.

L'isola della vaniglia

Voir plus
  • Vanilla flower in Lifou the Loyalty Island

    La vaniglia? Un’orchidea diversa dalle altre 25 mila

    Orchidea? Ebbene sì, prima di essere un gusto o addirittura un baccello, la vaniglia è innanzitutto un fiore. Nel mondo esistono circa 25.000 specie di orchidea, tra cui solamente un centinaio sono “vaniglia”. E tra queste cento specie, solamente tre nel mondo vengono coltivate per ricavarne i baccelli aromatici: la Vaniglia pompona, la Vaniglia tahitensis (varietà ibrida) e la vaniglia planifolia, che si ritrova in Nuova Caledonia.

    A Lifou le prime piantagioni risalgono al 1993. Attualmente oltre 120 produttori (ovvero circa il 50% di tutti i produttori della Nuova Caledonia) forniscono una vaniglia 100% naturale. Nel giro di qualche anno la vaniglia è quindi diventata “l’oro bruno” di Lifou.

  • Vanilla plantation in Lifou the Loyalty Islands

    Dalla Casa della Vaniglia alla Festa della Vaniglia

    Recentemente è stata inaugurata una “Casa della Vaniglia” presso la tribù di Hnathalo, dove è presente anche un essiccatoio. La vaniglia è un prodotto estremamente sensibile all’ambiente in cui cresce. Pertanto, questa struttura è stata costruita lontana dalle strade per evitare che la vaniglia potesse essere influenzata da odori nefasti.

    Aperta al pubblico, la Casa della Vaniglia permette di scoprire i segreti legati alla produzione e alla storia. E’ inoltre possibile acquistare grossi baccelli di vaniglia e prodotti derivati.

    Su un isola come Lifou che ambisce a diventare una vera e propria “foresta di vaniglia” (come ha affermato il direttore della Casa della Vaniglia), non può certo mancare una festa della vaniglia. Questa, creata di recente, si tiene ogni anno a metà ottobre presso la tribù di Mu, nella parte a sud-est dell’isola, nel distretto di Lössi.