Le formalità d’ingresso in Nuova Caledonia

A differenza dei Dipartimenti d’Oltremare (i DOM) francesi, la Nuova Caledonia, come gli altri Territori e le Collettività d’Oltremare, non fa parte dello spazio Schengen. Di conseguenza le disposizioni per l’ingresso sul territorio, principalmente per i cittadini dell’Unione Europea, sono diverse.

Fondamentali

  • Visto e passaporto

  • Formalità doganali e controlli fitosanitari

C’è bisogno del visto per recarsi in Nuova Caledonia?

Union Européenne Se sei cittadino italiano o di un Paese appartenente all'Unione Europea 

Qualunque sia la durata del soggiorno:

  • È necessario essere muniti di una carta d'identità o un passaporto validi per almeno 3 mesi dopo la data di partenza dalla Nuova Caledonia,
  • Sei esente dal visto

Lavorare in Nuova Caledonia:
Gli stranieri - compresi i cittadini dell'UE o coniugi di francesi - che desiderano lavorare in Nuova Caledonia devono prima ottenere un permesso di lavoro rilasciato dal governo della Nuova Caledonia.

Il permesso di lavoro rilasciato dal governo della Nuova Caledonia deve essere rilasciato prima dell’arrivo sul territorio. Se sei cittadino di un Paese dell'Unione Europea, puoi ottenere questa autorizzazione anche dopo il tuo arrivo sul territorio ma comunque prima di iniziare l'attività lavorativa prevista.Il cittadino straniero e il datore di lavoro che non rispettano queste regole sono soggetti a sanzioni penali.

Il dipartimento responsabile del trattamento delle domande di permessi di lavoro in Nuova Caledonia è la Direction du Travail et de l’Emploi de la Nouvelle-Calédonie (DTENC). 
Per ulteriori informazioni visita il sito web del DTENC, disponibile solo in lingua francese.

Se questo articolo non ha risposto alle tue domande riguardanti l'accoglienza degli stranieri, ti preghiamo di contattare l'ufficio stranieri: etrangers@nouvelle-caledonie.gouv.fr

 

Formalità doganali e controlli fitosanitari

La Nuova Caledonia non applica modifiche alla regolamentazione internazionale sull’importazione di armi da fuoco,  contraffazioni o stupefacenti; tuttavia presenta delle particolarità per quanto riguarda l’ingresso sul suo territorio di determinati prodotti.

È quindi vietata l’importazione di formaggi e salumi, per evitare la diffusione di eventuali infezioni sul territorio.

Allo stesso modo, al fine di preservare l’endemismo vegetale dell’arcipelago, che è uno dei più importanti al mondo, è vietato importare prodotti vegetali (semi, piante, fiori) se non si è in possesso di un’autorizzazione fitosanitaria.

Ricordiamo infine che alcuni prodotti sono soggetti a quote all’ingresso sul territorio. Ciò vale ad esempio per il tabacco, l’alcol, il caffè e il profumo. Vi consigliamo di informarvi prima di imbarcarvi o di fare degli acquisti,  per evitare qualsiasi problema doganale al vostro arrivo!