Le formalità d’ingresso in Nuova Caledonia

A differenza dei Dipartimenti d’Oltremare (i DOM) francesi, la Nuova Caledonia, come gli altri Territori e le Collettività d’Oltremare, non fa parte dello spazio Schengen. Di conseguenza le disposizioni per l’ingresso sul territorio, principalmente per i cittadini dell’Unione Europea, sono diverse.

Fondamentali

  • Visto e passaporto

  • Formalità doganali e controlli fitosanitari

Visto e Passaporto

Per entrare nel territorio della Nuova Caledonia è necessario essere in possesso di un passaporto valido. Ad ogni modo, a meno che non abbiate deciso di venire in Nuova Caledonia in nave e senza scali (!), il vostro viaggio per raggiungere il “Caillou”(soprannome della Nuova Caledonia) vi obbligherà a fare degli scali, in Asia (Tokyo, Osaka), in Australia o altrove. In queste fasi di transito, quindi, essere in possesso di un passaporto valido è obbligatorio.

I cittadini francesi, quindi, devono semplicemente essere in possesso di un passaporto in corso di validità. Gli altri cittadini dell’Unione Europea devono essere in possesso di un passaporto valido per almeno 3 mesi dopo la data del loro ritorno, e possono soggiornare fino ad un massimo di 3 mesi senza visto.

Anche gli svizzeri, gli argentini, gli australiani e i neozelandesi possono rimanere in Nuova Caledonia per un soggiorno massimo di 3 mesi senza dover richiedere il visto, a condizione che la validità del loro passaporto risponda alle condizioni richieste.

I cittadini originari del Canada, degli Stati Uniti o del Giappone, a meno che non siano in possesso di un visto, non possono soggiornare più di un mese.

Per queste nazionalità il rilascio di un visto è quindi obbligatorio per qualsiasi soggiorno superiore ai periodi indicati.

Per quanto riguarda i cittadini di nazionalità diverse da quelle sopra indicate, devono obbligatoriamente essere in possesso di un visto per entrare nel territorio, indipendentemente dalla durata prevista del soggiorno.

 

Formalità doganali e controlli fitosanitari

La Nuova Caledonia non applica modifiche alla regolamentazione internazionale sull’importazione di armi da fuoco,  contraffazioni o stupefacenti; tuttavia presenta delle particolarità per quanto riguarda l’ingresso sul suo territorio di determinati prodotti.

È quindi vietata l’importazione di formaggi e salumi, per evitare la diffusione di eventuali infezioni sul territorio.

Allo stesso modo, al fine di preservare l’endemismo vegetale dell’arcipelago, che è uno dei più importanti al mondo, è vietato importare prodotti vegetali (semi, piante, fiori) se non si è in possesso di un’autorizzazione fitosanitaria.

Ricordiamo infine che alcuni prodotti sono soggetti a quote all’ingresso sul territorio. Ciò vale ad esempio per il tabacco, l’alcol, il caffè e il profumo. Vi consigliamo di informarvi prima di imbarcarvi o di fare degli acquisti,  per evitare qualsiasi problema doganale al vostro arrivo!