Pouembout è un villaggio situato nel cuore della brousse caledoniana, in un contesto molto simile al Far West americano. La storia di questo villaggio (come per molti altri villaggi caledoniani) è fortemente legata al periodo penitenziario dell’arcipelago. Anche la presenza americana durante la seconda guerra mondiale ha profondamente segnato questa località.

Oltre al sito della Plaine des Gaïacs, Pouembout offre anche numerose spiagge degne di nota (tra cui quelle di Pindaï o di Franco) e la cascata di Ouendé, alta un centinaio di metri e con accesso situato nel cuore della tribù (e pertanto soggetto ad autorizzazione). Nel mese di ottobre si tiene la fiera dell’orticoltura, a testimonianza del carattere profondamente agricolo di questo villaggio.

La Plaine des Gaïacs, immensa zona attualmente quasi disabitata, ha avuto in passato un ruolo strategico per le truppe americane impegnate nella battaglia contro le forze giapponesi durante la seconda guerra mondiale.

Infatti, per rendere la Nuova Caledonia (all’epoca molto povera di infrastrutture) una sorta di enorme portaerei strategica per gli americani, fu necessaria la costruzione di aerodromi in questa zona.

Quando Pouembout era un aerodromo militare americano

Fu così che nella Plaine des Gaïacs nacquero due piste dove transitarono migliaia di aerei tra il 1942 e la fine del 1943.

La presenza americana lasciò quindi una traccia indelebile in queste terre. Tuttavia, la nascita di Pouembout risale al 1883, al tempo della creazione del centro di colonizzazione penitenziaria. L’amministrazione penitenziaria possedeva già all’epoca oltre 3500 ettari di terreno. Le terre nere della regione sono infatti considerate tra le più fertili del territorio. Di quell’epoca penitenziaria rimangono oggi alcune testimonianze: il castello Grimigni (costruito nel 1886 e rinnovato nel 2006), e il Pigeonnier testimoniano chiaramente la storia di questo villaggio.

Dalla spiaggia di Pindaï alla cascata di Ouendé

Per una ventina d’anni la colonia penitenziaria rimase molto isolata dal resto del territorio. Bisognerà aspettare l’inizio del 20° secolo affinché la mulattiera che collegava Pouembout al villaggio di Koné si trasformi in strada carrabile e prima che un pontile installato alla foce del fiume permetta l’arrivo dei rifornimenti via mare.

Oggi
  • Nouméa Tourism Office
  • Orari d'apertura: from Monday to Friday : 8:00-17:30, Saturday : 9:00-15:30, and Sunday 10:00-13:00
  • Telefono: +687 28 75 80
  • Email: centre.ville@office-tourisme.nc
Pouembout cote ouest de la province sud en nouvelle-Calédonie
Ulteriori informazioni

Oltre 130 anni dopo la creazione della colonia penitenziaria agricola, Pouembout rimane uno dei più importanti “granai” della Nuova Caledonia. Immense aziende agricole che si estendono dalla laguna fino alla Catena montuosa garantiscono un’importante produzione di frutta e verdura (tra cui i deliziosi meloni). Anche la presenza in questo luogo del Liceo professionale agricolo testimonia il ruolo di questa fertile “capitale dell’agricoltura”. Infine, altre specialità quali cervo, volpe volante, ostriche e granchi completano la produzione locale.  

Da non perdere a Pouembout

Voir plus

I professionisti al vostro servizio

Vedi altri professionisti

La Nuova Caledonia vi sta aspettando

A partire da 2440.00 €

Scopri la Nuova Caledonia con un tour self drive di 13 giorni e 12 notti

A partire da 4280.00 €

Un viaggio da sogno che abbina la visita delle icone australiane alle meraviglie della Nuova Caledonia, con un soggiorno sull'isola di Ouvéa, che vanta una delle lagune più belle del mondo, e sull’Isola dei Pini, dove pini imponenti si stagliano su lagune da sogno.

Offer Air calin

Paris / Noumea

Flash Promo

Return from
1410 EUR